Autostima

Riprendersi dopo un brutto colpo con una donna

riprendersi dopo un brutto colpo con una donna“Nelle favole c’è un filtro magico che ti fa addormentare. Ti svegli e ti innamori della prima persona che vedi. È la più geniale metafora dell’amore che sia stata concepita. L’amore è cieco, inspiegabile e crudele. Ed è anche precario. Nulla di così insensato può mai durare a lungo.” (Acqua di mare di Charles Simmons)

Una delusione d’amore è come una bomba che vi esplode nel cuore e nella testa, sconquassando tutto il vostro essere. Lacrime, singhiozzi, disperazione rendono difficile riprendersi dopo un brutto colpo con una donna . Perché è finita? Dove ho sbagliato? Che cosa ho fatto per meritare questo? Forse non ero abbastanza in gamba per lei? Colpa mia se non mi ama più? Insomma, avete lo stomaco stretto in una morsa di dolore, la vostra autostima è a zero e vi sentite colpevoli, manchevoli, banali, disgraziati e privi di qualità.

Come fare quindi a riprendersi dopo un brutto colpo con una donna?

Il distacco totale, a mio avviso, è la migliore strategia da adottare nel caso in cui una relazione finisca, anche se rappresenta l’approccio più doloroso, perché tende a tagliare di netto qualsiasi contatto.

Questo tipo di distacco è maggiormente utile se viene messe in atto da entrambi i componenti della coppia. Il distacco totale presuppone che non ci siano contatti di nessun genere, sia di persona che tramite terzi o tramite e-mail, sms, telefonate, ecc.

Il distacco totale è la via migliore per “riprendersi dopo un brutto colpo con una donna”, senza umiliarvi,  pregandola continuamente di tornare sui suoi passi (in realtà allontanandola ancora di più da voi). Ma soprattutto il distacco totale permette di poter effettivamente iniziare il processo d’elaborazione del lutto della fine della relazione. Qualsiasi distacco di tipo parziale è come se non mettesse un punto fermo per poter rielaborare la fine di un amore.

Ovviamente la fase di “riabilitazione” dopo la fine di una relazione è un processo molto lungo e complesso. Nell’immediato, oltre al distacco totale, dovreste coltivare la vostra salute. In che modo? Uscendo, svagandovi il più possibile, stando con i vostri amici e imparando a guardare al dolore anche secondo un ottica diversa.

La storia dell’umanità ci insegna che attraverso il dolore e le privazioni l’uomo è stato sempre in grado di migliorarsi, e di conseguenza cambiare. Non a caso, e su questo apro una parentesi di critica al sociale di questi tempi, le genti di questo secolo sono emotivamente fragili proprio perchè non sperimentano dolore e privazioni, gustano il loro piatto di pappa pronta che gli viene servito ogni giorno senza che debbano fare alcuna fatica, e danno in escandescenza quando non ottengono ciò che vogliono.

Diceva Hopkins in “Viaggio in Inghilterra”: il dolore è lo scalpello che ci aiuta a raggiungere la perfezione.

A questo punto è lecito chiedersi: ma allora, le delusioni d’amore ci rendono migliori? Beh, io credo di si.

Guarda anche gli altri articoli categorizzati in: Autostima

Leggi gli altri articoli scritti da:
Sono disponibili altri articoli con queste Tag: delusione d'amore

Data di pubblicazione: 

15/06/2012

Maria

Maria è una degli ultimi arrivi nel nostro team di blogger. Avendo vissuto sia al nord che al sud Italia ha avuto modo di avere a che fare con diverse tipologie di maschio italiano ed è, anche per questo, totalmente qualificata per condividere il suo punto di vista femminile su questo blog. Commenta pure i suoi post, sarà felice di ricevere i tuoi feedback.

Un Commento

  1. Mi sono lasciato con la mia ragazza dopo 6 anni insieme.

    Le cose non andavano più bene e l’amore da parte mia era finito. E’ stato difficile trovare il coraggio di dirlo, ma alla fine l’esasperazione di un rapporto che si trascina ti porta a vomitare fuori tutto il malessere.

    Periodo di merda, non c’è che dire!

    Ma bisogna riprendersi e rialzarsi dopo un colpo del genere…

    Non sono uno che ama piangersi addosso, quindi ho subito dato una svolta alla mia vita!

    Ho tagliato i ponti con lei, il distacco totale accennato anche nell’articolo, è vitale.

    E poi mi sono preso un po’ cura di me stesso e della mia vita, così come non facevo da tanto…

    Riprendersi da un brutto colpo è possibile… E poi è proprio vero, ciò che non uccide fortifica!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Close