General

Quando l’arte facilita la seduzione

Va bene una stanza da letto, o anche un comune parcheggio, ma una cosa che nasce ammirando un qualcosa che suscita un comune risveglio dei sensi vuol dire molto. Succede quando l’arte facilita la seduzione, e non solo nei film o nelle favole.

Auguratevi che succeda, così come in diverse pubblicità che non sono mai fatte a caso, potrebbe succedervi di trovarvi ad osservare un oggetto o un’opera capace di inchiodarvi al suo cospetto e scoprire al vostro fianco un altro esemplare di essere umano inebetito piacevolmente da tale celestiale apparizione; provate ad immaginare il senso, non è affatto una banalità.

Tutte le barriere si abbattono, rompere il ghiaccio non è mai stato così facile per voi, i discorsi escono naturalmente e toccano punti mai scontati.

Vi sentite sicuri, belli dentro e fuori, il seguito sarà ricco di fuochi d’artificio e momenti di condivisione solo perché le menti erano completamente in simbiosi pur essendo due perfetti sconosciuti, tutto ciò non ammette incomprensioni, la persona che avete affianco sarà una perfetta compagna per voi, disintegrando tecniche e tattiche d’approccio inutili solo quando l’arte facilita la seduzione, ma che potranno servirvi in seguito per tradirla, quindi non dimenticatele.

Perché solo in questo caso limite la strada è spianata, ovviamente comune a tutti le situazioni in cui l’arte avvicina due anime senza che esse possano farne a meno, perché già ricche delle stesse sensazioni e già consapevoli della reciproca sintonia.

Ma non dimenticatelo, succede solo quando l’arte facilita la seduzione, quindi ve lo auguro, ma non si trova certo dietro l’angolo.

Guarda anche gli altri articoli categorizzati in: General

Leggi gli altri articoli scritti da:

Data di pubblicazione: 

21/01/2011

Admin

Admin di PUATraining Italia - profilo usato per raccogliere gli articoli e le discussioni più interessanti per i nostri lettori, pubblicare guest post, ecc.

Un Commento

  1. Arte e seduzione.. Per me due sinonimi.
    Sedurre, infatti, significa condurre altrove. Ora, se si considera che si può essere condotti lontano dal proprio sé, si può facilmente capire un primo rischio: quello di perdere i propri equilibri o, peggio ancora, il proprio equilibrio. L’arte fa più o meno la stessa cosa.

    Non so se vi è mai capitato, di visitare una mostra di un pittore, uno scultore, un fotografo… Io sono un amante dell’arte, e quindi frequento spesso mostre e gallerie d’arte. E so bene come ci si sente di fronte ad un opera che mi colpisce. Una parola: SEDOTTA, nel suo significato originario del termine.

    Hai la mente lontana, ti senti quasi fluttuare nell’aria. Carica di adrenalina. Immaginate cosa vuol dire condividere tutto questo con un’ altra persona. E’ da panico. E’ una seduzione mentale che incrementa quella fisica, che potrebbe avvenire dopo.

    Finora sono sempre stata sedotta dalle opere, ma ho incontrato poca fauna maschile interessante (la mia solita sfortuna):/ Ma continuo a coltivare la mia passione per l’arte.. Chissà che un bel giorno non ci sarà passione anche con qualche bel critico d’arte 😛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Close