Evoluzione Di Un PUA – Parte Quarta- Fare o Disfare
Dai un voto a questo articolo

Evoluzione Di Un PUA – Parte Quarta- Fare o Disfare

Erano anni che volevo trasferirmi a Londra. Non sono mai stato felice di vivere a Cambrige. Ho sempre pensato che fosse troppo piccola, la gente era noiosa e poco socievole, e non avevo la vita sociale che desideravo.

Perché ho aspettato così tanto prima di farlo? Ho trovato qual è stata la vera ragione, e potrebbe essere la stessa che vi blocca in molti campi della vostra vita, è stata una scoperta ENORME: Avevo paura che se mi fossi trasferito a Londra e avessi fallito, sarei ritornato a Cambridge e non avrei avuto più nessun sogno in cui credere.

Quindi era solo paura di fallire. Pensate a tutti i passi importanti che non avete fatto e forse la ragione è la stessa. Ma alla fine l’avevo fatto..

Non conoscevo nessuno quando mi sono trasferito. I miei coinquilini erano tipi apposto, andavamo d’accordo, ma non avevano una cerchia di amici quindi non ho potuto conoscere molte persone attraverso loro. Per fortuna ho conosciuto alcuni PUA londinesi (della The London Seduction Society/LSS) e ho cominciato a uscire con loro.

Avevo per loro lo stesso rispetto che avrei avuto per Mystery in persona. Andavamo nei bar, ma mi sono reso conto abbastanza presto, che questi tipi avevano la camminata e la parlata giusta, sembravano uomini alfa, stringevano la mano come se lo fossero, ma in realtà non erano in grado di aprire, continuare e chiudere un set.

Ho dovuto ridimensionare un po’ le mie aspettative.

Nelle settimane successive sono uscito con alcuni di questi tipi. Non mi piaceva uscire con la maggior parte di loro, ma ne ho conosciuti due – Eugene e Connor, che erano dei tipi apposto e sono andato con loro in giro per i locali il più possibile.

Uscivo 4 sere a settimana. A quel punto ero andato nei locali meno di 30 volte, e non mi sentivo per niente a mio agio in quell’ambiente. Di solito, in queste serate aprivamo all’incirca 20 set, ma erano pochi quelli che tenevamo.

Stavo superando l’ansia da approccio, e sono anche riuscito ad aprire e agganciare dei set, e fare delle belle conversazioni, usano le mie abilità innate per le conversazioni faccia a faccia – derivanti dal mio essere introverso, un buon ascoltatore e molto empatico.

Era la solita serata fuori a Covent Garden con Conor quando ho cominciato a ottenere dei buoni risultati. Siamo riusciti a fare un ottimo “wind game” e ognuno di noi ha isolato una ragazza,  ha provato a creare un feeling e a ottenere il numero di telefono.

Quando si usa lo winging, e molto facile non essere respinti, perché quando capita che la conversazione subisce un arresto, la ragazza guarda la sua amica, e la vede parlare con un ragazzo, ed essere felice e così anche lei continua. Tenere un set da soli richiede molta più abilità invece.

Ero riuscito a fare un po’ di n-close(numero di telefono) che però non si sono trasformati ed io non sapevo usare la kino per avere un k-close (bacio). Devo dire che a quel punto ero abbastanza sicuro di me stesso. Le ragazze che abbordavo erano spesso molto belle e mi facevano dei complimenti sul mio look. Era una cosa nuova e mi faceva stare bene.

La successiva, grande conquista l’ho fatta dopo 3 settimane che avevo cominciato la mia avventura londinese. Ero in un locale a Soho, insieme a Conor e lui va e apre un set da 2 con delle svedesi.

Non sono andato subito a fargli da ala perché avevo puntato un’australiana, ma non è durata molto con lei e cosi ho deciso di affiancare Conor. Era una svedese di 18 anni. Molto carina. Stavo parlando con lei da 1ORA e a un certo punto le ho chiesto di spostarsi, mi sono seduto accanto e abbiamo continuato a parlare.

Lei non mi toccava e non sapevo cosa fare. La mia una botta e via a Singapore era successa solo perché lei mi aveva toccato la gamba, io avevo usato la kino e l’avevo baciata. Comunque, mi sono detto “Chi se ne frega”, l’ho abbracciata e l’ho baciata.

Ha funzionato e lei non si è tirata indietro. Ora so che avrei potuto farlo dopo soli 30 secondi che le parlavo, ma è stato allora che mi è passata una cosa per la testa – non c’è bisogno di chiedere se puoi baciarla o meno.

Conor se n’è andato presto perché non aveva funzionato con la sua tipa. Quando sono andate via, avrei potuto ottenere facilmente un fuck-close (trombata) e anche una semplice cosa a 3.

Ma non l’ho fatto perché ero ancora eccitato dal bacio e perché non immaginavo che fosse possibile. Ero davvero felice a Londra! Avevo amici e sentivo di avere molto più controllo su ciò che accadeva nella mia vita. Avevo molta più fiducia in me stesso perché sapevo sedurre e attrarre le donne.

 


Accettiamo Anche Crypto Monete. Visita lo Store

2 eBook GRATIS

Richiedi Gratis 2 eBooks


Guarda anche gli altri articoli categorizzati in: Topiche di seduzione miste
Leggi gli altri articoli scritti da:
Sono disponibili altri articoli con queste Tag: ansia da approccio baciare numero di telefono pua sedurre le donne Data di pubblicazione: 10/01/2007

Biografia dell'Autore

PUA Seduzione è un personaggio fittizio creato per raccogliere i post e le discussioni più interessanti sugli altri nostri blog e/o forum di vari autori, pubblicare guest post, ecc.

Facci sapere cosa ne pensi

*

Guarda Cosa Ne Pensano Di Noi Persone Disposte A Metterci Faccia, Nome e Cognome

  • 1 on 1 con Giulio a Roma.

    Mi è piaciuto molto il modo in cui mi ha spiegato la parte teorica e successivamente pratica in disco.

    Schietto e diretto. Io personalmente avevo problemi di ansia di approccio e su come instaurare una conversazione.

    La prima superata con successo, ho approcciato mezza discoteca ahah,... ..continua a leggere

    Andrea santi Avatar Andrea santi
    19/01/2019
  • L'arte della seduzione è un argomento fantastico. Si dovrebbe studiare a scuola. E i bootcamp che organizzate sono eventi che dovrebbero provare tutti nella vita. Ho partecipato al mio primo bootcamp a Roma con l'istruttore Giulio. Mi sono divertito molto e ho fatto cose che non avrei mai fatto se... ..continua a leggere

    Limbo Fiore Avatar Limbo Fiore
    19/01/2019
  • Ho effettuato un bootcamp a Roma con Giulio, che ha davvero molta dedizione nel suo lavoro da istruttore, usa tutte le sue energie per capire punti forti e deboli di ogni singolo corsista e darci consigli specifici per le nostre situazioni. È stato molto schietto nel dire quali sono stati... ..continua a leggere

    Andrea Della Valle Avatar Andrea Della Valle
    13/01/2019
  • Prodotti in generale molto validi per capire e saper affrontare nel modo corretto questo ambito. Ho appena fatto una consulenza con Giulio, persona preparata che ha saputo trattare in maniera esaustiva gli argomenti richiesti, in particolare spiegandomi i concetti base e dandomi degli obiettivi, semplici ma allo stesso tempo efficaci... ..continua a leggere

    Carlo Ceolini Avatar Carlo Ceolini
    07/01/2019
  • Ho fatto una consulenza telefonica con giulio e devo dire che mi ha fatto capire tantissime cose nuove per quanto riguarda i cold approach anche lui é di roma quindi mi ha dato dei consigli particolarmente mirati. Non vedo l'ora di farne altre

    team millionaire Avatar team millionaire
    06/01/2019