Donne disinibite: Solo Paura Di Essere Giudicate?
5 - 1 voti

Donne disinibite: Solo Paura Di Essere Giudicate?

donne disinibite

Capiamo più a fondo le donne disinibite

Lo rivela un sondaggio condotto dall’associazione Donne e Qualità della Vita, svolto su un campione di 1200 donne italiane di età compresa tra i 18 e i 45 anni.

Dai dati raccolti emerge che le donne italiane ormai non si negano più niente, almeno fino al matrimonio: frequenti cambi di partner, storie di una notte, sesso occasionale. Questo fa di loro un chiaro esempio di donne disinibite.

Fino a qualche tempo fa si diceva che fosse la Gran Bretagna la capitale del “libertinaggio” femminile, ma ormai pare proprio essere stata soppiantata dall’Italia.

Solo il 3% delle ragazze intervistate ha affermato di voler arrivare vergine al matrimonio; il 56% dichiara di aver avuto le prime esperienze sessuali intorno ai 15/16 anni; il 32% ha ammesso di avere tradito, una su quattro ritiene di essere stata tradita.

Ma non basta: il 18% delle intervistate ha dichiarato di non essere stata innamorata del primo partner con cui ha fatto sesso e solo una su tre crede che sia indispensabile esserlo per potersela spassare; sette su dieci hanno ammesso di aver avuto incontri di una sola notte almeno una volta nella vita.

LE DONNE DISINIBITE SONO PIÙ “AFFAMATE”?

Vediamo di capire più a fondo, chi sono queste donne disinibite.

Solitamente associamo all’ aggettivo “disinibita” l’immagine della donna spinta, osé, libera e senza nessun tipo di limite e/o pudore. A conferma di ciò, provate a digitare in rete il binomio “donne disinibite” e vedrete che sarà associato a materiale dai contenuti quasi pornografici, che richiamano il concetto della “donna come merce”.

La mercificazione è una forma di deumanizzazione. Riduce la donna ad oggetto e strumento del volere e del piacere altrui, negandole la possibilità di realizzarsi come persona capace di decidere ed agire in modo responsabile ed autonomo.

Nella società contemporanea, sempre più spesso il corpo femminile è usato come strumento per vendere, o diventa esso stesso oggetto in vendita. Dalle forme più esplicite, costituite dalla prostituzione e dalla pornografia, alle forme più sottili di oggettivazione mediatica, il fenomeno invade la quotidianità in modi tali che è impossibile eluderlo. Proprio la sua pervasività lo rende difficile da concettualizzare e contrastare.

I mass media giocano un ruolo decisivo nella cultura dell’oggettivazione sessuale, dato che propongono immagini femminili e maschili che assurgono a modelli dell’agire sociale. Come hanno mostrato numerosi studi, le donne vengono sessualizzate dai media in modi quantitativamente e qualitativamente diversi rispetto a quanto succede agli uomini.

La mercificazione del corpo femminile è penetrata anche nell’ambito politico, come hanno dimostrato i recenti scandali sessuali che hanno rivelato il fenomeno della donna-tangente.

Addentrandoci ancora di più in questa riflessione, vediamo come accanto alle donne disinibite, troviamo come opposto “la brava ragazza”, cioè colei che è estranea a comportamenti sessuali promiscui e riprovevoli dal punto di vista morale.

Io direi di uscire da questa congettura mentale e dico sì alla SANA e COSTRUTTIVA disinibizione praticata sempre nel rispetto della propria persona e del proprio corpo (il rispetto è un fattore che viene a mancare nell’ottica della donna oggetto).

Perché reprimere e bloccarci con il nostro partner? Perché privare il nostro compagno di quel pizzico di sale in più dato magari da un completino intimo di pelle o da una nuova posizione nel fare l’amore?

Credo che ogni donna possa essere disinibita sessualmente, il problema nasce per alcune quando subentra la paura di essere giudicate. Che senso avrebbe lasciarsi andare se poi l’uomo pensa: “chissà con quanti uomini sei stata”, “chissà con quanti hai fatto esperienza” ” sei una…”, o cose “inevitabili” di questo genere.  Quindi mi sembra idoneo che l’uomo debba entrare nell’ottica che anche la donna può provare piacere quanto lui, senza essere giudicata.

In conclusione, vi chiederei di riflettere su questa illuminante e provocatoria citazione:

“La donna disinibita / semplice è una donna con la moralità sessuale di uomo” .


Accettiamo Anche Crypto Monete. Visita lo Store

2 eBook GRATIS

Richiedi Gratis 2 eBooks


Guarda anche gli altri articoli categorizzati in: Topiche di seduzione miste
Leggi gli altri articoli scritti da:
Data di pubblicazione: 06/06/2012

Biografia dell'Autore

Maria è una degli ultimi arrivi nel nostro team di blogger. Avendo vissuto sia al nord che al sud Italia ha avuto modo di avere a che fare con diverse tipologie di maschio italiano ed è, anche per questo, totalmente qualificata per condividere il suo punto di vista femminile su questo blog. Commenta pure i suoi post, sarà felice di ricevere i tuoi feedback.

Commenti

  1. Giacomo dice:

    Che bella la citazione finale!!!

    Davvero un articolo molto interessante…

    E poi come fare a non essere d’accordo con te, Maria.

    Magari tutte le donne iniziassero ad intraprendere la strada della SANA E GIUSTA disinibizione!!!! Forse ci sarebbero meno tradimenti e … Più uomini felici ed appagati :)

    Non mi ricordo chi disse, che la donna perfetta doveva essere una dama in soggiorno, una cuoca in cucina e una prostituta a letto.

    Quindi io vorrei proprio fare un annuncio a tutte le donne!!! DONNE OSATE!!

    Non abbiate paura di essere giudicate o etichettate come delle poco di buono. L’ importante, come si dice nell’articolo, è fare tutto nel pieno rispetto di voi stesse e del proprio corpo.

    Quindi sperimentiamo, osiamo, viviamo con quel pizzico di pepe in più!!!!

Facci sapere cosa ne pensi

*

Guarda Cosa Ne Pensano Di Noi Persone Disposte A Metterci Faccia, Nome e Cognome

  • Saggio è colui che arriva in fondo alla lettura e al proprio percorso di vita.

    Premetto che ho passato, tante tante tante tante ore con gli istruttori Kita e Chanel. Le ho passate facendo teoria, pratica e rapportandomi a loro.

    Sono persone che per qualche motivo, ad un certo punto della... ..continua a leggere

    Fabio Allera Avatar Fabio Allera
    30/11/2018
  • Ho partecipato ad un 1 to 1 con Rafael. Bella persona, aperta e molto competente. Al di là di quella che può essere la teoria o la pratica, credo la cosa più importante sia il cambio di mentalità. Questo sta alla base di tutto. Abbiamo lavorato molto su... ..continua a leggere

    Gabriel Effe Avatar Gabriel Effe
    21/11/2018
  • Ho effettuato la prima consulenza gratuita ieri sera con Massimiliano. È stato gentilissimo, mi ha spiegato nei dettagli come funzionano i loro corsi, inoltre mi ha dato dei consigli molto utili, spiegandomi dove ho sbagliato nella mia ultima relazione. Purtroppo ormai potrò applicarli dalla successiva relazione, se solo avessi... ..continua a leggere

    Marco Antoniozzi Avatar Marco Antoniozzi
    20/11/2018
  • Fatto il bootcamp di Roma con Giulio. È un ragazzo molto preparato, si vede che c'è dietro molta teoria ma anche molta pratica, visto che ha iniziato a intraprendere questa avventura nel mondo del pua da molti anni. Per me è stato l'inizio, per cui sono rimasto colpito dai miglioramenti... ..continua a leggere

    Andrea Ricci Avatar Andrea Ricci
    01/11/2018
  • Il 19 ottobre ho fatto un 1on1 con l'insegnante Kita a Vicenza.

    Prima di scrivere una recensione, ho preferito far passare un pò di tempo per sedimentare le impressioni; cosa per altro molto facile visto il turbine di impegni attorno a me.

    Il nostro incontro è cominiciato con un'intervista dove mi sono... ..continua a leggere

    Andrea Bruschina Avatar Andrea Bruschina
    29/10/2018