Linguaggio del Corpo

Il Linguaggio del Corpo e il Cibo

Il Linguaggio del Corpo e il Cibo

il linguaggio del corpo e il cibo
Il Linguaggio del Corpo e il Cibo

Il modo in cui mangiamo comunica qualcosa su di noi. Ecco un altro post sul Linguaggio del Corpo. Sia che si mangi da soli o in compagnia, vediamo come si sviluppa la percezione che diamo di noi agli altri. Buona lettura!

Come vi esprimete mentre mangiate? Siete voraci avvoltoi o delicati come gentleman? Gustate quello che avete nel piatto o lo ingurgitate senza distinzione? Può esservi utile considerare questi momenti della giornata, dedicati al nutrimento, sotto una luce analitica e conoscitiva. Per chi fa una pausa pranzo in locali affollati,  per chi si circonda di amici alle cene,  per chi semplicemente consuma un pasto in un luogo dove sono possibili delle interazioni.

Prima di tutto, è necessario provare a concentrarsi sul cibo, valutando la presentazione del piatto, gli aromi che emana e cosa ci possiamo aspettare dal suo sapore immaginato. Questo processo si definisce attraverso un tempo dilatato, consiglio quindi a tutti di trovare i propri ritmi per mangiare, privilegiando un po’ di lentezza. Questo anche per assimilare meglio i cibi, sentendoci sazi e appagati. Provate a mangiare tenendo in bocca qualche secondo il cibo e sperimentate le vostre sensazioni. Successivamente, provate a mangiare davanti a uno specchio per confrontare come queste sensazioni saranno percepite.

Partiamo dalle sensazioni proprie. Sappiamo che i gusti (aspro, dolce, amaro, salato, saporito) risiedono soprattutto nel palato. Si verificano quindi in bocca le sensazioni dei cibi ingeriti. La bocca è un componente fondamentale per quanto riguarda il Linguaggio del Corpo, soprattutto della muscolatura facciale.

Al gusto aspro, agro e pungente, è associata una smorfia molto contratta. Il gusto dolce è percepito soprattutto sulla punta della lingua, dove sono presenti più papille gustative sensibili e quel sapore, ed è associato a sensazioni di piacere. Al contrario, il gusto amaro rappresentava, evoluzionisticamente, un pericolo nell’alimentazione (cibi tossici o pericolosi) e quindi le sensazioni possono essere rappresentate da una tensione nel viso. Quello saporito, indicava la presenza di proteine nei cibi, quindi anch’esso è associato a sensazioni gradevoli, dove i movimenti della lingua esaltano questo gusto.

Quando si verifica il pasto in condivisione con persone, queste sensazioni saranno osservate e daranno indicazioni sopra il Linguaggio del Corpo che usate comunicare all’esterno. Se avete in previsione una serata a lume di candela con una donna, sarà molto utile comunicare correttamente queste sensazioni, per connettersi emotivamente con lei, risultando empatici quindi attraenti.

Il cibo è soddisfazione di un bisogno ma è anche piacere. Esistono i cibi afrodisiaci, il cui contenuto è utile a surriscaldare l’atmosfera, ma il modo in cui mangiamo (qualsiasi cibo) lo è altrettanto. I cibi che favoriscono il Linguaggio del Corpo personale sono sicuramente quelli che sfruttano l’utilizzo delle mani (la frutta, i finger foods, i pasticcini, …). Potete, in questo caso, avvicinare le mani alla bocca e prima di ingerire il boccone, sfiorare la bocca con le mani. Per chi non è avvezzo a utilizzare le mani, può sempre esercitare questa sensualità con le posate a disposizione, e il consiglio può essere di considerare gustose anche le posate. L’eye contact va distribuito in modo misto, sul cibo e su chi avete a tavola o intorno a voi.

De Gustibus non disputandum est, dicevano i latini, ma si può provare ad esaltare le sensazioni ottenute dal cibo, per arricchire le proprie percezioni e come esse sono osservate da chi ci circonda.

Guarda anche gli altri articoli categorizzati in: Linguaggio del Corpo

Leggi gli altri articoli scritti da:

Data di pubblicazione: 

29/09/2012

Miti

Michela è una ex istruttrice ai nostri corsi di seduzione dal vivo. Contattaci per ulteriori info.

Un Commento

  1. Cibo e sesso sono un connubio perfetto. Atmosfera a parte, il cibo ha un forte impatto sessuale su mente e corpo.

    Il cibo è un tranquillante naturale, produce endorfine, ci calma e ci distende. Di conseguenza non mangiando siamo suscettibili e nervosi, quindi meno disposti ad abbandonarci al piacere, al punto che si può parlare di vera e propria ”anoressia sessuale”. Cala il desiderio e le energie si riducono drasticamente.

    Ma vorrei chiedervi un consiglio: a breve avrò una cenetta diciamo “romantica”. Ho scelto casa mia come location… Ma sono un po’ indecisa su cosa preparare… Stavo pensando a niente di pesante o particolarmente speziato..

    Qualcosa di leggero, sfizioso e l’articolo mi ha fatto pensare all’importanza e alla sensualità di usare le mani.. Voi che dite?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Close