Ragazze italiane
5 - 1 voti

Ragazze italiane

Ragazze italiane

ragazze italianeDopo le suffragette, dopo le vedove dei ragazzi del '99, dopo le staffette eroiche, dopo le femministe, dopo le mamme del Mulino Bianco, dopo le manager, dopo le veline, dopo le escort... Chi sono oggi le ragazze italiane?

Sono molti gli aspetti che pongono le ragazze italiane come un caso a parte. Le statistiche dimostrano che hanno meno possibilità di lavoro, fanno meno figli, hanno una minore rappresentanza politica e lavorano molto di più in casa di quanto non facciano le loro controparti nel Regno Unito e nel resto d’Europa.

Ma le donne italiane hanno anche una delle più alte aspettative di vita nell’UE, godono di un eccezionale livello di assistenza sanitaria e, a quanto riporta una recente indagine, fanno sesso più di chiunque altro.

Non per essere sfacciatamente patriottica, ma le ragazze italiane sono anche fra le donne più femminili, meglio vestite, meglio curate di tutto il mondo. Qualsiasi turista che arriva in Italia non può fare a meno di notare la quantità di tempo e l’impegno che le donne dedicano alla cura del loro aspetto. A volte il risultato è volgare, altre volte è sexy e talvolta è meraviglioso. Ma qualunque sia il prodotto finale, sorprende l’impegno.

Fate attenzione però, abbiamo il rovescio della medaglia! Le ragazze italiane sono belle, brave, intelligenti… Ma forse un po’ complicate da conquistare. Perché? Senza dubbio l’ambiente sociale in cui vivono è la risposta a questa domanda.

Già da adolescente ogni ragazza italiana viene approcciata decine di volte al giorno. Dopo pochi anni è in grado di etichettare un ragazzo in perdente o in potenziale partner semplicemente dal suo modo di camminare, dal suo atteggiamento, da come si veste e da come si muove.

Una ragazza di 22 anni, in linea di massima, ha ormai subìto approcci di ogni tipo. Non appena un nuovo ragazzo le si avvicina è in grado perfino di prevederne le mosse e le battute.
Una ragazza in discoteca si renderà subito conto, semplicemente osservandoli, di quali siano i ragazzi sfigati con l'altro sesso e di quelli che ci sanno fare.

Se in Italia le ragazze sono più difficili da conquistare, il motivo dipende anche da voi uomini che anzichè cercare di migliorare il vostro atteggiamento verso l'altro sesso, tendete a diventare insistenti o a provarci con tutte quante. Come conseguenza a questi comportamenti, le ragazze italiane si sono giustamente create delle difese e sanno come liberarsi subito di eventuali spasimanti.

Siate meno insistenti e “farfalloni” e cercate di impegnarvi a far sentire corteggiata e amata la vostra donna… Questo ovviamente vale per tutte le donne, a prescindere dalla nazionalità!


Accettiamo Anche Crypto Monete. Visita lo Store

2 eBook GRATIS

Richiedi Gratis 2 eBooks


Guarda anche gli altri articoli categorizzati in: Attrazione
Leggi gli altri articoli scritti da:
Sono disponibili altri articoli con queste Tag: corteggiare una ragazza Data di pubblicazione: 18/10/2011

Biografia dell'Autore

Maria è una degli ultimi arrivi nel nostro team di blogger. Avendo vissuto sia al nord che al sud Italia ha avuto modo di avere a che fare con diverse tipologie di maschio italiano ed è, anche per questo, totalmente qualificata per condividere il suo punto di vista femminile su questo blog. Commenta pure i suoi post, sarà felice di ricevere i tuoi feedback.

Commenti

  1. Alino dice:

    E tutto vero Maria in quello che scrivi,e vai sempre dritto al punto,
    però non ho mai capito una cosa,io sono uno studente l’ultimo anno, e nella mia classe sono 4 maschi e resto ragazze. Come mai un mio collega no anche se offende/parla male alle ragazze non se la prendono con lui, invece io che cerco sempre di non offendere le donne pero se gli rispondo male magari non mi parlano per un bel po?

    • Sergio .C. dice:

      Le ragazze o donne hanno un cervello piccolo da galline e ragionano con la vagina!
      Se ad una ragazza o donna è interessata a conoscere o a farsi trombare da tizio o da caio si lasciano fare di tutto le ragazze o donne!
      Se alle ragazze il tuo amico gli piace e se lo vogliono trombare tutte anche se lui ha comportamenti violenti -maleducati-offensivi alle ragazze gli va bene lo stesso .

      P.S.
      In natura il scimmione maschio prepotente – forte – violento e deciso è il capo branco e si chiava spesso quando vuole lui le scimmione femmine del branco.
      In pratica le femmine umane sono solo delle scimmie femmine magari vestite con abiti firmati che vogliono farsi trombare dal maschio uomo che loro considerano il capo-branco.
      Le ragazze di oggi sono solo delle primitive scimmie sono rimaste indietro di 2 milioni anni nella evoluzione della specie umana da scimmia ad uomo.
      Anche noi uomini abbiamo ancora oggi qualcosa di scimmiesco primitivo ma lo manifestiamo in pubblico in maniera molto evidente.

  2. Maria dice:

    Ciao Alino,
    allora sarai d’accordo con me quando dico che noi donne siamo a volte complicate da capire e una dimostrazione è proprio l’episodio che mi hai riportato tu. Guarda può essere che questo tuo collega abbia un’indole da leader o che sia semplicemente molto simpatico e così le ragazze della tua classe gli perdonano qualsiasi cosa. Forse tu, quando quelle rare volte che rispondi male, lo fai in modo antipatico o brusco e le ragazze si risentono. Cerca di matenerti sempre su un piano scherzoso-ironico; evita di esagerare con le parole e smetti di fare paragoni con questo tuo collega!! Tu sei tu e sei unico e diverso da lui!!
    Buona fortuna,
    continua a seguirci!
    Maria

  3. Louis dice:

    Salve Maria,
    Sarà perché vivo nelle marche, una realtà-a mio avviso- culturalmente arretrata e fondamentalmente provinciale, ma la mia avversione verso la ragazza italiana o straniera “italianizzata” ha raggiunto ormai il colmo. E non è la parte del “difficile” che mi irrita, anzi mi piacciono le cose difficili, bensì la presunzione, il pregiudizio e talvolta la meccanicità che c’è alla base del loro repertorio cognitivo.
    Mi spiego meglio:
    In primis ti faccio una breve e il più possibilmente onesta descrizione di me stesso:
    Ho 23 anni, studente dai ottimi risultati prossimo alla laurea, suono la chitarra, canto, scrivo canzoni, dipingo e fotografo nel mio tempo libero. Persona molto aperta e curiosa sono molto attratto anche dalle scienze e in generale amo la conoscenza. Ma non sono un secchio, interpeto le cose a modo e ovviamente oltre allo studio, mi piace anche vivere la vita “fuori”, esplorarne le sfumature, provare emozioni, liberamente e senza pormi troppi paletti. (per quel poco che il contesto mi permette)
    Inoltre dicono che ho una forte personalità, non mi piego d’avanti alle cose e sono sempre sincero e diretto . Non mi “atteggio” e odio i comportamenti stereotipati della maggioranza degli esemplari di sesso maschile. Orgoglioso, ci tengo alla mia dignità. Sono un po’ insicuro a volte (non timido) ma dipende come mi gira.
    Fisicamente, beh, senza dover fare il finto modesto, sto molto più in alto della media, anche se ovviamente dipende dalla soggettività di ognuno. Dicono che ho un bel viso e dai lineamenti molto regolari. Capelli neri occhi scuri, alto 1.80, fisico atletico abbastanza nella media niente di particolare. Insomma, forse non il massimo, ma guardandomi intorno, sono molto contento di essere nato come sono nato!
    Ho sempre approcciato in maniera sobria ma naturale, senza invadenza e con l’intenzione di conoscere prima di tutto, poi il resto se deve venire, ben venga…Non riuscirei mai a fare il paraculo, o peggio ancora, il lecchino. Cerco solo di essere me stesso …
    Ma nonostante ciò, mi ritrovo diciamo “inattivo” da un tempo talmente lungo che sarebbe imbarazzante menzionare, ti parlo di inattività perché di avere una ragazza vera e propria non se ne parla.
    Il punto allora è questo: Per quanto io provi ad approcciare qualcuna, che sia in disco o in chat (anche se quest’ultima la preferisco poco), tutto quello che ricevo è indifferenza. Scusami il francesismo ma, non mi si caga proprio nessuna!Ma senza nemmeno interessarsi un minimo che persona sono e cosa ho da offrire. E’ veramente odioso e per come sono fatto non insisto molto in questi casi. E non è che io vada sempre da quelle del top della gamma, insomma mi piacciono anche le ragazze non particolarmente belle, soprattutto se dopo sanno compensare con la loro personalità.
    Ma niente, anche quelle poche volte che riesco a passare alla fase successiva, dopo un po’ c’è sempre repulsione.
    Non so se sono io o loro, da quello che ho capito è che vogliono in realtà il solito tipo mediocre .
    Non dico che sono proprio disperato da questa situazione, cerco di tenere alta la testa lo stesso, però che diammine, non posso mica andare avanti cosi! Questi anni della mia vita non torneranno mai più! La mia unica salvezza, ma non solo per questo motivo, è andarmene dall’Italia!
    Louis (nome finto)

  4. Ginio dice:

    Innanzi tutto non sono convinto per niente che le ragazze italiane facciano sesso più degli altri, anzi (forse perché anche qui in Italia gli italiani che conosco io fan sesso solo con le straniere, per lo più immigrate, mentre le italiane dicono di non fare mai sesso o se ne lamentano; ma forse ad un rilevatore istat mentirebbero).

    Questo articolo è evidentemente scritto da una ragazza italiana che si crede esperta in uomini, ma che di seduzione attiva non capisce nulla. Una donna italiana in effetti deve concentrarsi nella seduzione passiva: estetista, parrucchiera, è l’uomo che fa, o deve fare, la parte attiva.

    Vero è che una italiana riceve migliaia di corteggiamenti, fino a vederli anche dove non ci sono, oppure a indovinare esattamente come uno farà; ma questo è dato dalla semplice osservazione continuamente ripetuta. Ciò non significa assolutamente che la donna sappia esattamente cosa un uomo può fare, né che saprebbe far di meglio al suo posto.

    Poi cade nel consiglio “cercate di impegnarvi a far sentire corteggiata e amata la vostra donna”, cade nel mito del “corteggiamento”, che di fatto è quello che frega gli inconcludenti seduttori italiani; di fatto che seduce tante donne non attua nessun corteggiamento, anzi l’opposto. L’articolista esprime una scarsissima conoscenza degli aspetti sottili della psicologia.

    Poi infine se ne esce con la frase che il corteggiamento è sempre uguale in tutto il mondo; niente di più sbagliato, e qui milioni di viaggiatori possono testimoniare. Ma una italiana non lo può certo capire, non ha mai corteggiato una straniera. Però prima di fare certe affermazioni su puatraining…

Facci sapere cosa ne pensi

*

Guarda Cosa Ne Pensano Di Noi Persone Disposte A Metterci Faccia, Nome e Cognome

  • Saggio è colui che arriva in fondo alla lettura e al proprio percorso di vita.

    Premetto che ho passato, tante tante tante tante ore con gli istruttori Kita e Chanel. Le ho passate facendo teoria, pratica e rapportandomi a loro.

    Sono persone che per qualche motivo, ad un certo punto della... ..continua a leggere

    Fabio Allera Avatar Fabio Allera
    30/11/2018
  • Ho partecipato ad un 1 to 1 con Rafael. Bella persona, aperta e molto competente. Al di là di quella che può essere la teoria o la pratica, credo la cosa più importante sia il cambio di mentalità. Questo sta alla base di tutto. Abbiamo lavorato molto su... ..continua a leggere

    Gabriel Effe Avatar Gabriel Effe
    21/11/2018
  • Ho effettuato la prima consulenza gratuita ieri sera con Massimiliano. È stato gentilissimo, mi ha spiegato nei dettagli come funzionano i loro corsi, inoltre mi ha dato dei consigli molto utili, spiegandomi dove ho sbagliato nella mia ultima relazione. Purtroppo ormai potrò applicarli dalla successiva relazione, se solo avessi... ..continua a leggere

    Marco Antoniozzi Avatar Marco Antoniozzi
    20/11/2018
  • Fatto il bootcamp di Roma con Giulio. È un ragazzo molto preparato, si vede che c'è dietro molta teoria ma anche molta pratica, visto che ha iniziato a intraprendere questa avventura nel mondo del pua da molti anni. Per me è stato l'inizio, per cui sono rimasto colpito dai miglioramenti... ..continua a leggere

    Andrea Ricci Avatar Andrea Ricci
    01/11/2018
  • Il 19 ottobre ho fatto un 1on1 con l'insegnante Kita a Vicenza.

    Prima di scrivere una recensione, ho preferito far passare un pò di tempo per sedimentare le impressioni; cosa per altro molto facile visto il turbine di impegni attorno a me.

    Il nostro incontro è cominiciato con un'intervista dove mi sono... ..continua a leggere

    Andrea Bruschina Avatar Andrea Bruschina
    29/10/2018