Manuale del sesso
2.3 - 3 voti

Manuale del sesso

manuale del sessoOggi parliamo di “manuale del sesso”,  non inteso come semplice strusciamento reciproco di corpi nudi e ansimanti, ma ad un livello superiore. Parliamo cioè di come mettersi nelle condizioni per far si che l’atto sessuale si trasformi in un momento di ineguagliabile felicità terrena, per voi e per le donne che avranno il piacere di scoprire il ritmico cigolio del vostro letto.

Bisogna partire dalla consapevolezza che elaborare un manuale del sesso è cosa complessa, dal momento che non tutte le ragazze reagiscono nello stesso modo. Ci sono quelle che hanno avuto un maggior numero di esperienze, sono più disinvolte e sarete in grado di portarle a letto più facilmente; altre avranno bisogno di più tempo e richiedono più accortezze. Ci sono, però, degli elementi di fondo che accomunano tutte le donne.

Ciò che voglio proporvi con questo stringato manuale del sesso sono pochi concetti, chiari e coincisi, che possano essere presi come spunto di riflessione per migliorare le vostre capacità sotto le lenzuola.

In cosa consiste dunque un buon manuale del sesso ?

Iniziamo col dire, innanzitutto, che la potenza del sesso non sta nelle qualità da pornodivo che ognuno di noi è in grado di esercitare e, tantomeno, nelle dimensioni del nostro compagno di avventure. La chiave di volta è, piuttosto, nel livello di intimità che si riesce a creare con la partner, nell’uso raffinato dei preliminari, nella capacità di far sentire una donna rilassata e completamente a proprio agio, inducendola ad essere il più disinibita possibile. La chiave di volta è qui!! Se saremo in  grado di connetterci ad un livello emotivo con una donna, lei si lascerà andare al flusso degli eventi, la sua mente verrà attraversata da emozioni positive e verranno meno spiacevoli situazioni di imbarazzo, esitazione e fraintendimenti.

Certo, è difficile creare una situazione di relax se i primi ad essere tesi come una corda di violino siamo noi. Nei primi rapporti sessuali con una donna si ha spesso paura del suo giudizio, di quello che penserà, si teme di non essere all’altezza delle potenziali aspettative. Ma se provassimo a sentirci donna per un attimo (tranquilli, la vostra virilità non ne risentirà), noteremmo come nella maggior parte dei casi le paure che traghettano la nostra mente sono, nel caso femminile, amplificate. Il risultato che ne esce fuori è un moltiplicarsi di timori che finiscono col trasformare l’atto più bello del mondo in una avventura da dimenticare.

Quindi ragazzi....RELAX!!! Non c’è motivo per essere agitati, la parte più difficile è alle nostre spalle....abbiamo rotto il ghiaccio con la nostra HB,  lanciato opener, inventato routine, abbiamo fatto della kino, le abbiamo dato un bel bacio e sul più bello ci perdiamo in un bicchier d’acqua?? E’ come se arrivasse un’alluvione a distruggere il nostro orto pochi istanti prima di raccoglierne i frutti, dopo esserci dedicati con passione, sfruttando i trucchi del mestiere, conoscendo i misteri delle stagioni e i gli umori del tempo.

Ma quali sono i trucchi che un manuale del sesso può darci? Partiamo dal presupposto che tutti siamo in grado di fare del sesso. Fa parte del nostro animalesco istinto di conservazione e della necessità di riprodurre la specie....e già questo, da solo, dovrebbe rasserenarci. Ma noi vogliamo essere qualcosa di più di semplici animali umani da riproduzione!! Da qui la grande invenzione dei preliminari.

Iniziamo a spogliare la nostra donna con estrema lentezza, la lenta stimolazione e i preamboli l’aiuteranno a raggiungere gradualmente uno stato di relax, eliminando le inibizioni. Usiamo un tocco leggero evitando di raggiungere subito le zone a più alto potenziale erogeno, giriamoci attorno, facendola sognare accrescendo le sue voglie....sussuriamole nell’orecchio qualcosa di scherzoso ma con un tono sexy per farla sorridere, abbattendo così ulteriormente le sue difese...sfioriamole il collo con le labbra e poi spostiamoci pian pianino verso le vere aree del piacere...ancora una volta...sfiorare ma non toccare!!!...in questo modo il suo desiderio crescerà e l’atto sessuale sarà più appagante.

Quando arriva finalmente il momento di indirizzare le nostre attenzioni verso quello che è “l’unico” motivo per il quale passiamo ore a leggere libri di seduzione...la vagina (ahahah...ovviamente scherzo) toccatela con delicatezza, aiutatevi con il cunnilingus e siate il maschio dominante in grado di tenere sotto controllo la situazione, cercando sempre di coniugare fermezza e delicatezza, ritmo e passione. E non dimenticate che sotto le lenzuola la  fantasia è un’arma di seduzione di massa.

Spero ti sia piaciuto questo mio post sul manuale del sesso

Piero


Accettiamo Anche Crypto Monete. Visita lo Store

2 eBook GRATIS

Richiedi Gratis 2 eBooks


Guarda anche gli altri articoli categorizzati in: Attrazione
Leggi gli altri articoli scritti da:
Data di pubblicazione: 12/07/2011

Biografia dell'Autore

Piero è un finalista del nostro concorso "il prossimo Neil Strauss". Se hai trovato il suo post interessante commentalo pure. I commenti ricevuti faranno parte del processo di selezione per la scelta del vincitore. PS i commenti verranno pubblicati solo alla fine per non influenzare gli altri commenti/utenti

Commenti

  1. Marco dice:

    In assoluto il miglior post letto tra quelli partecipanti al contest.

    Sia per il contenuto che per la forma.

    Partiamo dal contenuto. Il post è ricco di empatia sia nell’affrontare un tema poco visitato finora (è vero, molto materiale PUA arriva fino alle lenzuola, dando per scontato cosa accada tra le stesse), sia nel calarsi nei panni (nei boxer) di chi legge per comprendere la possibile sensazione di panico che potrebbe nascere dal non avere avuto abbastanza esperienza col sesso (sensazione del tipo: “E adesso che faccio? Riuscirò a soddisfarla questa ninfomane assetata di sesso?”).

    In più, rispetto agli altri post, Piero parte da ciò che c’è in tutti noi (la capacità istintiva a far sesso/dedicarci alla copulazione) e non da ciò che l’allievo/chi legge non conosce e dovrà quindi imparare in 3 minuti per applicarlo la sera stessa assieme a mille altre informazioni. Quello che Piero dà a chi legge/lo ascolta è la consapevolezza di qualcosa che ha già, e questo vale più di un pacchetto di 20 openers o una lista di cose da fare/non fare o, peggio ancora, alla vaga promessa di imparare qualcosa senza spiegare cosa (come ho letto in altri post che partecipano al contest).

    In più (e qui veniamo alla forma), Piero scrive con leggerezza di un tema così complesso, facendo largo uso di metafore e usando immagini esemplificative che rendono chiara l’idea e restano facilmente a mente. Bellissima la figura delle donne come “misteri delle stagioni”/”umori del tempo”: sono sicuro che mi verrà da pensare all’orticello con la mia frutta da raccogliere quando – spero presto – adagerò la prossima donna sul mio letto.

    Ciò che ancora mi ha colpito, per quanto riguarda la forma del post, è:
    – la correttezza grammaticale (non scontata), che dimostra come il post sia stato almeno riletto e rivisto, con la stessa attenzione con cui, penso io, un insegnante medita su come e cosa trasmettere ai propri allievi;
    – il post è strutturato (quindi meditato e non improvvisato, non “buttato giù tanto per…”);
    – relativamente lungo ma non per questo noioso, ANZI: in virtù della strutturazione e del tono leggero e autoironico, ciò dimostra che Piero non lesina di dare informazioni e spendere tempo per insegnare ai suoi allievi).

    Detto tutto questo, e premesso che non sono un amico/cugino/spasimante di Piero né che lo conoscevo prima, se questo commento vuole essere anche una votazione sono contento di poter dare il mio voto a Piero.

    Per Piero: mi piace il tuo modo di vestirti da come ho visto nelle due foto – se vincerai mi darai delle dritte in tal senso! Ciao!

Facci sapere cosa ne pensi

*

Guarda Cosa Ne Pensano Di Noi Persone Disposte A Metterci Faccia, Nome e Cognome

  • 1 on 1 con Giulio a Roma.

    Mi è piaciuto molto il modo in cui mi ha spiegato la parte teorica e successivamente pratica in disco.

    Schietto e diretto. Io personalmente avevo problemi di ansia di approccio e su come instaurare una conversazione.

    La prima superata con successo, ho approcciato mezza discoteca ahah,... ..continua a leggere

    Andrea santi Avatar Andrea santi
    19/01/2019
  • L'arte della seduzione è un argomento fantastico. Si dovrebbe studiare a scuola. E i bootcamp che organizzate sono eventi che dovrebbero provare tutti nella vita. Ho partecipato al mio primo bootcamp a Roma con l'istruttore Giulio. Mi sono divertito molto e ho fatto cose che non avrei mai fatto se... ..continua a leggere

    Limbo Fiore Avatar Limbo Fiore
    19/01/2019
  • Ho effettuato un bootcamp a Roma con Giulio, che ha davvero molta dedizione nel suo lavoro da istruttore, usa tutte le sue energie per capire punti forti e deboli di ogni singolo corsista e darci consigli specifici per le nostre situazioni. È stato molto schietto nel dire quali sono stati... ..continua a leggere

    Andrea Della Valle Avatar Andrea Della Valle
    13/01/2019
  • Prodotti in generale molto validi per capire e saper affrontare nel modo corretto questo ambito. Ho appena fatto una consulenza con Giulio, persona preparata che ha saputo trattare in maniera esaustiva gli argomenti richiesti, in particolare spiegandomi i concetti base e dandomi degli obiettivi, semplici ma allo stesso tempo efficaci... ..continua a leggere

    Carlo Ceolini Avatar Carlo Ceolini
    07/01/2019
  • Ho fatto una consulenza telefonica con giulio e devo dire che mi ha fatto capire tantissime cose nuove per quanto riguarda i cold approach anche lui é di roma quindi mi ha dato dei consigli particolarmente mirati. Non vedo l'ora di farne altre

    team millionaire Avatar team millionaire
    06/01/2019